H O S T – Salone Macchine Ristorazione Industriale – di Edy Rulli

 

WP_20171022_15_13_29_Pro

https://commonspeeches.wordpress.com/2017/05/18/mapic-2017-food-and-beverage-di-edy-rulli/

https://commonspeeches.wordpress.com/2017/05/08/milan-food-week-altoga-foodfriends-di-edy-rulli/

https://commonspeeches.wordpress.com/2015/11/24/timeless-elegance-di-edy-rulli/

Host, ancora una volta un termine inglese, e con questo si presenta la 40° edizione della Fiera biennale a Rho-MIlano, dedicata all ospitalità professionale nel campo della ristorazione. Coffee, Food, Machinery, Equipment, altri termini stranieri ormai largamente diffusi per la grande gioia degli esterofili che sono anche riusciti a tradurre la gloriosa cucina italiana dalla storia millenaria, nell iconica quanto riduttiva espressione italian way of living! Ma accontentiamoci di sapere che, nonostante la crisi economica generalizzata, il nostro Paese è al 3° posto dopo la Cina nelle esportazioni di macchine e accessori per la ristorazione, lavorazione alimentare nella panetteria, pasta, dolci, gelateria. Metà della produzione nazionale è destinata all Expo. Macchine per lavaggio cereali, frutta, vegetali, per macinare caffè, per affettare salumi e carne, per la refrigerazione, tecnologie per il vending (distributori automatici),  preparazione cibo, casalinghi, trattamento rifiuti alimentari mediante dissipatori per riutilizzo a fini energetici o come materia prima per il compostaggio, trattamento acqua potabile uso umano e nell impiantistica.Il salone ospita 2165 imprese da 52 paesi, prevede oltre 500 appuntamenti tra workshop, tavole rotonde, show cooking.  Tante aziende ciascuna operativa nel proprio settore industriale di appartenenza, raggruppate in associazioni che forniscono loro assistenza, consulenza specifica per ogni fabbisogno. Host le rappresenta tutte e con i loro prodotti anche l impegno comune di associazioni e imprese in percorsi, indagini, nuove soluzioni, formazione tecnica degli addetti, assistenza fiscale e quant altro.  Settore in crescita con 325.000 imprese attive al servizio di un esercito di italiani che ha consumato 39 mln di parti fuori casa (dati del 2016) e destinato ad aumentare visto il trend in atto. I ristoranti detengono il 53,1% di questa quota, ma sono minacciati dopo l exploit del 2016, dallo street  food , altro termine inglese, ma rassegniamoci, l importante che si mangi italiano, anche se dobbiamo dubitarne!

Nel Villaggio del Caffè Altoga ha avuto luogo la premiazione del miglior maestro di caffetteria italiana, abbinato alle spezie che ne esaltano l aroma (ved. Link Altoga).

Prossima edizione   nel 2019 con un arrivederci!

Fonte dati da Università Bocconi e Ass. Anima

 

WP_20171022_15_16_08_Pro

Stralcio comunicato stampa originale del 24 ott. 2017

Milano, 24 ottobre 2017– Dopo cinque giorni di serrato networking tra tendenze e business, si conclude oggi a fieramilano HostMilano, la manifestazione leader nel mondo per lospitalità nelle sue diverse declinazioni. A sottolineare l’esitodella 40° edizione sono inumeri: i visitatori professionali sono stati in totale 187.602 (+24,3% rispetto al 2015),dei quali il 38,8% internazionali da 177 Nazioni (pari a 72.699, +20,4% rispetto al 2015). I Paesi più rappresentati tra i visitatori sono stati oltre a quelli europei la Cina, gli USA, quelli dell’area russa e Medio-Oriente, oltre a importanti presenze da Paesi particolarmente distanti o inconsueti, come Australia, Nuova Zelanda, Cambogia, Polinesia e Paesi africani (Botswana, Burundi, Eritrea, Ruanda, Zimbabwe).Milano, 24 ottobre 2017– Dopo cinque giorni di serrato networking tra tendenze e business, si conclude oggi a fieramilano HostMilano, la manifestazione leader nel mondo per lospitalità nelle sue diverse declinazioni. A sottolineare l’esitodella 40° edizione sono inumeri: i visitatori professionali sono stati in totale 187.602 (+24,3% rispetto al 2015),dei quali il 38,8% internazionali da 177 Nazioni (pari a 72.699, +20,4% rispetto al 2015). I Paesi più rappresentati tra i visitatori sono stati oltre a quelli europei la Cina, gli USA, quelli dell’area russa e Medio-Oriente, oltre a importanti presenze da Paesi particolarmente distanti o inconsueti, come Australia, Nuova Zelanda, Cambogia, Polinesia e Paesi africani (Botswana, Burundi, Eritrea, Ruanda, Zimbabwe).

Un’HostMilano da record
23-11-2017 – testo integrale –
Numeri record e la sensazione di un grande evento, più ricco che mai in un settore dinamico: si è chiusa martedì 24 ottobre la quarantesima edizione di HostMilano, manifestazione leader nel mondo per l’ospitalità nelle sue diverse declinazioni.
Con 187.602 visitatori professionali (in aumento del 24,3% rispetto alla passata edizione del 2015), dei quali il 38,8% internazionali da 177 nazioni (pari a 72.699, +20,4% rispetto al 2015), la partecipazione è stata davvero unica. I Paesi più rappresentati tra i visitatori sono stati, oltre a quelli europei, la Cina, gli USA, Russia ed Europea dell’Est e il Medio Oriente, ma non sono mancate presenze da zone distanti o inconsuete come Australia, Nuova Zelanda, Cambogia e Polinesia. Interessante anche la presenza di alcuni Paesi africani quali Botswana, Burundi, Eritrea, Ruanda e Zimbabwe, mercati certamente nuovi ma che potrebbero riservare delle sorprese in futuro, a ulteriore conferma di come HostMilano sia vista in tutto il mondo come punto di riferimento dell’HoReCa.

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in fiere a Milano e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.