LA CLASSE NON E’ ACQUA – La meccanica italiana – ANIMA – di Edy Rulli

IMG_20190305_111123

L industria meccanica italiana è in buona salute. L industria manufatturiera è il nostro biglietto da visita che ci introduce nel salotto buono dell economia mondiale. Sì, avete capito bene, del resto questo è il messaggio positivo che ci viene dato nel corso della conferenza stampa ANIMA presso il Westin Hotel di Milano in occasione della nomina del nuovo presidente Marco Nocivelli di questa importante organizzazione industriale di categoria. La quasi centenaria ANIMA Confindustria Meccanica Varia e Affini rappresenta le aziende del settore e occupa 214.238 addetti e fa registrare un fatturato di 48,5 mld di euro con una quota expo 28,2 mld pari al 58%, con investimenti di ca. 3 mld. Dati preconsuntivo elaborato da Ufficio Studi ANIMA. Le merci prodotte possono essere raggruppate in 6 macrosettori:

Macchine e impianti per la produzione di energia e per l industria chimica e petrolifera – Logistica e movimentazione delle merci – Tecnologie e attrezzature per prodotti alimentari – Tecnologie e prodotti per l industria – Impianti, macchine e prodotti per l edilizia – Macchine e impianti per la sicurezza dell uomo e dell ambiente –

Le cifre parlano da sé, più della metà della produzione va all estero, nei più svariati e lontani paesi di cui spesso si ignora persino l esistenza. Macchine per caffè espresso di fabbricazione italiana possono trovarsi in un resort in capo al mondo senza suscitare in noi il minimo sospetto. USA, Germania e Francia sono i principali estimatori del madeinitaly e del suo livello qualitativo. In quanto al mercato americano, i benefici prodotti dalla svalutazione del dollaro sono stati vanificati dalle incertezze legate alla politica dei dazi di Trump, quindi l auspicato incremento delle esportazioni disatteso. In calo la Russia che perde un ulteriore 20% a seguito delle note sanzioni. Frenata anche verso l Arabia Saudita e Emirati Arabi per la crisi legata alle dinamiche in seno all industria petrolchimica e del Golfo Persico. L andamento effetto banderuola è chiaramente determinato dai movimenti geopolitici. Gli importanti investimenti previsti dal Piano Impresa 4.0 sono diventati attivi a fine 2017 inizio 2018 e hanno dato buoni risultati, ma nn si esclude un contraccolpo dovuto alla situazione congiunturale a livello mondiale ed europeo. Nel corso della conferenza viene ribadito che la nostra gloriosa industria manufatturiera è la spina dorsale dell intera economia italiana e va quindi rimessa al centro tenendo presente questi importanti obiettivi da raggiungere: maggiore efficienza, meno inquinamento, più produttività, favorire l internazionalizzazione, migliorare le infrastrutture idriche ed elettriche. Particolarmente problematici nel nostro paese sono i trasporti eccezionali di macchinari di grosse dimensioni in presenza di una rete di infrastrutture risalente al dopoguerra ormai obsoleta che necessita urgenti interventi di manutenzione. I nostri ponti potrebbero crollare anche in presenza di carichi normali. Altra nota dolente è la preparazione/formazione dei nostri giovani, soprattutto italiani mentre gli stranieri sono più disponibili, che dopo la scuola difficilmente si adattano a fare tirocini in fabbrica, occasione di per sé altamente performante che però nn viene sfruttata. I nostri Istituti Tecnici nn sono tutti allo stesso livello, alcuni risalenti agli anno ’80 e necessitano ammodernamenti, altri invece di buona qualità formativa, ma il problema è che i nostri giovani dopo lo studio, ambiscono più a diventare “colletti bianchi” che nn a fare esperienza pratica in campo sporcandosi temporaneamente un po’ le mani. Altro handicap è la nostra scarsa attitudine a fare sistema per far conoscere meglio le nostre qualità. La supremazia tedesca, la precisione svizzera, la verve francese. Se soltanto fossimo degli altrettanto bravi comunicatori potremmo invadere i mercati internazionali nn solo con la moda e prodotti agroalimentari, ma anche con turbine, valvole e rubinetti, pompe, motori, compressori, forni industriali, serrature, casseforti e altri prodotti d eccellenza.

IMG_20190305_105744

IMG_20190306_122643.jpg

IMG_20190305_122951

LINK DI QUESTO BLOG:

https://commonspeeches.wordpress.com/2017/12/29/smart-export-focus-anima-sulla-meccanica-italiana-di-edy-rulli/

Questa voce è stata pubblicata in meccanica italiana e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a LA CLASSE NON E’ ACQUA – La meccanica italiana – ANIMA – di Edy Rulli

  1. Pingback: FIORI ALL’ OCCHIELLO – Manifesto della Meccanica ANIMA 2020 – di Edy Rulli | commonspeeches

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.