HEADQUARTERS PIRELLI – L anima segreta – di Edy Rulli

img_20190609_113100988773662.jpg

Pubblicità anima del commercio e…dell industria! La definizione calza a pennello se riferito a questo grande gruppo dal passato glorioso che ha fatto della pubblicità la sua seconda anima incidendo profondamente sulla propria immagine e sull immaginario collettivo. Anima nn proprio segretamente custodita nell immenso archivio storico Pirelli di v.le Sarca 222, di fatto a disposizione di tutti, collettività nazionale ed internazionale. Archivio della comunicazione visiva costituito da 300.000 immagini, 3,5 km di materiale, 16.000 volumi sulla tecnologia della gomma e del cavo dall ‘800 ad oggi. Documenti, fotografie, disegni, manifesti, pubblicità, audiovisivi, volumi della Biblioteca tecnico-scientifica, gli archivi di Alberto e Leopoldo Pirelli. In seno alla Fondazione Pirelli nata nel 2008, l archivio documenta una storia centenaria di campagne pubblicitarie con immagini che raccontano uno spaccato della cultura d impresa e della comunicazione lunga almeno quanto l iconica “P” del suo logo. Il messaggio arriva sempre chiaro al consumatore finale, una story telling della comunicazione aziendale fatta di innovazione, tecnologia, sicurezza che si evolve e si modifica col passare dei decenni con l uso di tecniche miste che vanno dal collage alla grafica e design. Prima dell avvento della fotografia, l immagine veniva ritoccata con il disegno, successivamente con la grafica, per evidenziare alcuni particolari del prodotto che solo dopo lo sviluppo della tecnica fotografica avrebbero potuto essere esaltati. Per es. il battistrada di un pneumatico (foto). Altrettanto lunga è la storia di questa Multinazionale con il suo importante Centro di Ricerca con il 90% di ricercatori madeinitaly, rimasto in Italia grazie ad una clausola del suo statuto che nn consente il trasferimento all estero.

Il primo stabilimento Pirelli nasce nel 1873 in via Ponte Seveso, oggi Fabio Filzi, (foto) e con l apertura del Traforo del Sempione inizia l ascesa del Gruppo che nel 1906 con a capo Giovanni Battista Pirelli acquista una vasta area (116 ettari) tra Niguarda e Greco Milanese. Nel 1985 la dismissione degli impianti produttivi e parte un concorso internazionale per la conversione dell area industriale a cui partecipano i più importanti architetti urbanistici al mondo. La creazione del Centro Tecnologico polifunzionale nel 1950 prevede che l iconica torre di raffreddamento delle acque prodotte dal ciclo produttivo (foto), venga inglobato nell edificio sede dell Headquarters la cui facciata rivolta verso la Bicocca degli Arcimboldi è chiusa da un enorme vetrata di 1.800 mq e dal peso di 168 tonn., occupa quasi 1 mln di mq . Nel 1957 la stazione ferroviaria diventa Greco-Pirelli. Al pianoterra della Torre un Auditorium e sui livelli dei suoi 10 piani, sale riunioni collegate agli uffici mediante passerelle. Il Pirellone di Gio Ponti anni ’60 sorto sul area del primo stabilimento Pirelli, si trasferisce definitivamente alla Bicocca dove fin dal 1999 era sorto il Centro Ricerche e Sviluppo Pneumatici. Il 2005 vede realizzato il Progetto Bicocca che però subisce un ulteriore ampliamento a seguito della dismissione dell area ex Ansando. La Bicocca diventa “grande” e include il Bicocca Village, un centro commerciale con cinema multisala, e Pirelli Hagar Bicocca dedicata all arte contemporanea, ricavato dallo stabilimento Ansaldo-Breda che ospita la celebre opera permanente di Anselm Kiefer (Foto). Tra il 1997 e 2002 sorge il Teatro degli Arcimboldi che dopo aver sostituito La Scala durante la ristrutturazione, assume il ruolo di secondo Teatro milanese. Il Polo Industriale di Settimo Torinese per l Industria 4.0 per la produzione di pneumatici high e ultra high-performance a ridotto impatto ambientale progettato da Renzo Piano (foto) è provvisto di grandi vetrate che lasciano filtrare luce naturale e di un tetto di pannelli fotovoltaici. La Fabbrica è affiancata da 400 alberi di ciliegio che nel periodo della fioritura offrono uno spettacolo di insuperabile bellezza paragonabile solo agli altrettanto famosi ciliegi Hanami del Giappone, evento che attira turisti da tutto il mondo.

La Bicocca, dal nome della quattrocentesca villa nobiliare degli Arcimboldi in v.le Sarca 214, nel 1918 entra a far parte delle proprietà Pirelli e dal 1953 sede di rappresentanza del Gruppo; è una “casa di vacanze” in campagna disposta su due piani sormontati da un loggiato lungo tutta la superficie dell edificio. La facciata ha fregi e cornici in terracotta, graffiti agli angoli delle finestre e altri elementi decorativi di grande pregio.

Archivio e Bicocca sono visitabili su richiesta contattando la Fondazione:

visite@fondazionepirelli.org

LINK CORRELATO DI QUESTO BLOG CON FOTO ATTINENTI:

https://commonspeeches.wordpress.com/2017/07/05/pubblicita-con-la-p-maiuscola-pirelli-a-long-history-of-enterprise-di-edy-rulli/

https://commonspeeches.wordpress.com/2015/06/25/eventi-a-milano-una-musa-tra-le-ruote-di-edy-rulli/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2330602257069524&id=100003593177989

1560067483515154887654760687063.jpg

20161015_184007-copia

12984042_996206223762693_5518186813277788640_o

Questa voce è stata pubblicata in eventi culturali e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a HEADQUARTERS PIRELLI – L anima segreta – di Edy Rulli

  1. Pingback: PUBBLICITA’ CON LA P MAIUSCOLA – Pirelli – A Long History of Enterprise – di Edy Rulli | commonspeeches

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.