F E L L I N I – 5 Oscar 5 – di Edy Rulli

FB_IMG_1579605906028

A cento anni dalla nascita, Federico Fellini sarà ricordato con numerose iniziative in Italia e in 10 diverse sedi estere. A Rimini, sua città natale, sarà varato fine 2020 il progetto La Storia d Italia attraverso i film di Fellini, che sono oltre 20 di cui 5 premiati con l Oscar. La dolce vita, I Vitelloni, Otto 1/2, Amarcord, La strada, Le notti di Cabiria, Satyricon, ecc. A Palazzo Reale dal 17 settembre al 15 novembre una mostra che ricrea l universo e l immaginario felliniano nonché il racconto onirico della sua vita. Il suo cinema è una galleria di volti, personaggi, situazioni apparentemente fuori dalla realtà che danno corpo al Fellini uomo in un mondo di circhi e fiere abitato da marionette, clown, diseredati di vario genere, dimostrando così di essere un grande sperimentatore, quindi maestro di questa forma d arte. Fellini anche grande sognatore, ma anche intuitore, anticipatore di eventi che di fatto si sono poi verificati come la guerra dei Balcani. Negli anni ’50 story teller della drammatica storia italiana, con il film La dolce Vita anticipava l evoluzione culturale e di costume di una certa Italia, con i film 8 1/2 e Satyricon fu paladino della psicoanalisi quando la gente incominciava a leggere e ad interessarsi a questa allora nascente nuova scienza. I temi più importanti di quel periodo storico furono intuiti in anticipo e portati sullo schermo che quindi nn vedeva solo la realizzazione del suo libro dei sogni in film dove i sogni prendevano forma appunto, ma molto di più. Regista che meglio ci rappresenta all estero per la sua capacità di registrare il cambiamento del costume italiano.

Fellini regista neorealista, poeta visionario, era anche caricaturista e fumettista, i suoi disegni rappresentavano quello che era o si sentiva di essere; gli aspetti pittorici della sua attività artistica sono in parte riconducibili a Picasso che con la sua pittura ha portato avanti la “pazza idea” di creare una nuova umanità con connotati diversi. Picasso infatti, ignorando qualsiasi legge anatomica, creava le sue figure secondo il criterio di visione simultanea da più lati con forme e volumi scomposti mentre De Chirico, inventore della Metafisica, rappresentava forme e figure ben riconoscibili tra loro, ma le assemblava in modo confuso o fuori dal loro assetto naturale. Fellini però, nel suo intento di creare un umanità con nuovi connotati, è stato clemente. La giunonica e procace Anita Ekberg de La dolce Vita è rimasta tale e quale come madre natura l aveva fatta, con i suoi splendidi attributi al posto giusto ed è così che la statuaria Anitona ci piace e la vogliamo ricordare com è, anzi com era!

Link correlato:

https://commonspeeches.com/2018/03/18/picasso-uno-sguardo-differente-di-edy-rulli/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2243718525757898&id=100003593177989

Fantastic Mr Fellini: Wes Anderson spiega Federico Fellini

FB_IMG_1579605874305

Questa voce è stata pubblicata in Cinema e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.