A.A.A. SPONSOR CERCASI – Fondazione Milano Scuole Civiche – di Edy Rulli

FB_IMG_1580818925279

“Cultura del sapere” e “Cultura del saper fare” ovvero, tra il dire e il fare c è di mezzo…la Fondazione Milano che ha scelto questa definizione per contraddistinguersi da ogni altra Istituzione. Nn tutti la conoscono nonostante i numerosi premi istituzionali, riconoscimenti, medaglie di rappresentanza, Ambrogini d oro assegnati con merito per i loro 355 anni di attività svolta dalle 4 Scuole Civiche dai tempi della creazione della prima, la Scuola di Musica Claudio Abbado nata nel lontano 1862. Ne è seguita la Scuola di Teatro Paolo Grassi (1951), quella del Cinema Luchino Visconti (1952), quindi la Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli (1980). Nel 2000 nasce la Fondazione che oggi festeggia il ventennale in concomitanza con l apertura dell anno accademico 2019/2020; nel 2018 si conclude il percorso grazie al quale tutte le scuole rilasciano titoli comparati a quelli universitari riconosciuti dal MIUR equipollenti a lauree triennali e diplomi accademici di primo e secondo livello AFAM. Espressione dello spirito che anima la società borghese, la Fondazione si prefigge di formare professionisti nelle diverse discipline, favorendo l incastro del linguaggio e dell arte con realtà professionali nazionali e internazionali, offrendo l opportunità di intraprendere percorsi di formazione universitaria per le discipline dello spettacolo e della comunicazione. La Fondazione ha oggi 3.000 allievi provenienti anche da 30 diversi paesi, ha 900 docenti ed è dislocata in sette sedi diverse e autonome l una dall altra, promuove la diffusione della cultura e del sapere sul territorio mediante incontri, spettacoli, concerti ecc. Molte di queste sono già note ai lettori di questo blog per i post pubblicati e sono: MiTo Settembre, Bookcity, Pianocity, eventi al Castello Sforzesco, BAM biblioteca degli alberi, Musei a cielo aperto ecc. Nell attività post-diploma, la Fondazione è impegnata nell accompagnamento al lavoro dei diplomati tramite il servizio job placement mettendo in contatto i giovani con le aziende di riferimento.

Nel corso di questi ultimi 20 anni molto è cambiato rispetto alle dinamiche globali, tutto si trasforma e ciò necessita radicali modifiche con notevoli costi per poter tenere il passo con la tecnica e l informatizzazione. Nel 2015 inizia la sfida EXPO che prosegue con Milano Cortina 2026, in questo lasso di tempo molta carne al fuoco messa dai crociati della “cultura del fare” coniugata con competenze tecniche, affinché un bacino di 200.000 di cui 30% studenti stranieri, che diventerà 300.000 nei prossimi 15 anni, abbia il meglio in quanto a strutture e strumenti di divulgazione. Guardando al futuro senza se, senza ma, la Fondazione si prefigge l ambizioso traguardo di diventare il primo Politecnico delle Arti, un vero e proprio campus quindi con una sede unica proponendo altresì le Olimpiadi della Cultura da affiancare a quella della neve, con protagonisti i giovani inventori di tutte le nazioni coinvolte nei giochi. Intende aprirsi a nuovi soci e graditi…sponsor, nonché rafforzare la collaborazione con le Università tra cui il Politecnico di Milano che già è al lavoro nell ambito di organizzazioni di macro-eventi. Nn meno importante è l economia tra le scuole civiche e il mondo delle professioni che richiede grandi sforzi economici. La Fondazione è un istituzione con un unico socio, il Comune di Milano, il quale notoriamente ha qualche problemino di liquidità essendo la sua sostenibilità finanziaria per quanto riguarda il suo contributo che è passato dal 95% delle entrate dell Ente del lontano 1862, agli attuali 63%. Va da sé che il gap va colmato con donazioni e volenterosi sponsor e magnanimi benefattori ai quali va sin d ora un generale benvenuto misto a sentiti ringraziamenti. Viene ricordato dall Assessore alla Cultura della Regione Galli, che il nostro Paese vanta un secondo brutto posto nella classifica della mortalità studentesca alias prematuro abbandono della scuola, è quindi necessario il massimo impegno da parte di tutti gli Enti preposti per migliorare la scuola adeguandola ai tempi che cambiano, anche con l aiuto di ricerche di mercato. In quanto all eventuale collocazione delle strutture pianificate, si potrebbe pensare alle aree dell ex EXPO, o altra zona periferica da ricercare nell ambito dell annoso discorso della riqualificazione delle periferie. Periferie? Già sentito qualcosa in merito, ma questa è tutta un altra storia!

Link correlato:

http://metronews.it/20/02/03/scuole-civiche-tra-tagli-e-rilancio.html

IMG_20200204_115014

Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti

IMG_20200204_115238

Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli

IMG_20200204_115500

Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi

IMG_20200204_115750

Civica Scuola di Musica Claudio Abbado . Villa Simonetta

Questa voce è stata pubblicata in eventi culturali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.